sabato 16 giugno 2018

Ritratto di Luigi Di Maio

Timonata da Matteo Salvini, l’Aquarius gli è passata sopra. Lo ha stordito senza spettinarlo. E lo ha lasciato lì a galleggiare. Ma visto che non sappiamo ancora molto di lui, a parte la cravatta, abbiamo il tempo di ricominciare dai fondamentali. Luigi Di Maio –Avellino, 6 luglio 1986 –è alto un metro e settanta, pesa 73 chilogrammi, e nonostante sia nato nella piena bambagia digitale dei Millennia l , ogni tanto bacia l’ampolla del sangue di San Gennaro e il sangue si scioglie. Dunque fa miracoli, il più cospicuo dei quali, è lui.
A dieci anni sognava di fare il poliziotto con la pistola. A diciotto staccava biglietti allo stadio. A ventisei è diventato vicepresidente della Camera. A trentadue – cioè oggi – ministro del Lavoro, nonché vice premier, nella nuova Italia giallo-verde che ci circonda. Il tutto senza mai una visibile goccia di sudore. Luigi, detto Giggino dagli amici, detto Luigiotto in famiglia, è apparso a Beppe Grillo un giorno di marzo a Pomigliano d’Arco, circonfuso dalla quieta luce di 59 preferenze: erano le Regionali del 2010. Risultò non eletto. Ma per l’eterogenesi dei fini, meglio gli andò.

Impegnandosi nei successivi Meetupnazionali, finì per farsi candidare dal Capo alle Politiche del 2013, diventare il deputato più elegante del Movimento, nonché suo cocco permanente: “Imparo da lui anche quando sta zitto”, ha dichiarato Beppe. Il che, considerando la logorrea del Fondatore, è molto più di un complimento.
Purtroppo impegnandosi assai nell’ascensione, Luigi Di Maio s’è dimenticato di studiare. Dopo il diploma al liceo classico e nonostante le preghiere della mamma insegnante di Lettere e latino, si è fatto un paio di passeggiate dentro le facoltà prima di Ingegneria, poi di Giurisprudenza, ma niente esami. Il suo libro di formazione è stato La storia d’Italia di Montanelli e Cervi. E la biografia di Sandro Pertini. Ruvido dispiacere per il padre Antonio, imprenditore edile, missino, nostalgico del vecchio Giorgio Almirante, che quelli come Pertini li metteva volentieri al muro. Segno che Luigi s’è affrancato dal babbo, al netto dell’affetto e dell’Edipo.

Né più né meno di quello che ha fatto l’altro a- stro nascente del Movimento, lo spettinato Alessandro Di Battista, figlio anche lui di un padre addirittura dannunziano e probabilmente motociclista. Il che potrebbe dirci qualcosa in più di quel che batte nei cuori stellati dei due figli. E se l’irruenza contro l’autorità, i Palazzi e lo Stato repubblicano, considerati fino a ieri scatole di tonno, sia il residuo involontario del vecchio sovversivismo che nutrì l’epopea in camicia nera nell’Italia dei padri, o sia virata per davvero nella forma libertaria, reticolare e pacifista rivendicata dal Movimento, nell’Italia dei figli. In attesa che qualche lume lo accenda lo psicologo, o le future cronache politiche, uno dei due è andato in California, a coltivare sogni & surf, l’altro è salito in cima al ministero del Lavoro, dove lo attendono 160 tavoli di crisi, il buco nero dell’Ilva di Taranto da risolvere, il guaio dell’Iva da congelare, il guaio della flat tax da posticipare, il guaio del reddito di cittadinanza da distribuire, oltre all’impazienza di undici milioni di votanti, da qualche mese alla finestra.

Tutte cose da far tremare i polsi a un politico navigato. Ma che lasciano imperturbabile Luigi, che a volte esibisce una freddezza andreottiana nel carattere che riverbera persino nel modo di transitare davanti alle telecamere, muovendo le gambe, ma non le braccia. Un aplomb che di sicuro lo ha aiutato negli anni della dura convivenza con la signora presidentessa della Camera Laura Boldrini, intransigente in tutto, dai diritti delle donne Masai, a quelli della neolingua da declinarsi sempre al femminile. E dunque un poco faticosa per chiunque.

Ma non per lui, accomodato e accomodante dentro al suo sorriso. Persino Renzi premier, provò un giorno a scuoterlo. Nel pieno di una delle tante bagarre d’aula, gli scrisse un bigliettino: “Scusa l’ingenuità caro Luigi, ma voi fate sempre così? Mi ero fatto l’idea che su alcuni temi potessimo confrontarci”. Quieta fu la risposta: “La tua maggioranza ha votato il condono alle slot machine, miliardi per le banche e per gli F-35.

Ti aspettavi gli applausi?”. È stato dunque con massimo stupore che lo si vide, per la prima volta, perdere le staffe (e il senno) quella famosa domenica 27 maggio in cui chiese –con le vene del collo gonfie – niente di meno che la messa in stato di accusa del presiden- te Sergio Mattarella: “Scende - remo in piazza il 2 giugno! Non rispetta le regole! Non è più l’arbitro imparziale!”. Invettiva che non lo fece dormire per una notte intera, ma che seppe voltare in farsa il giorno dopo, salendo in retromarcia al Colle per chiedere scusa, ignaro che i costituzionalisti continuassero ad accapigliarsi tra i labirinti della Carta e la sua filippica, mentre lo spreadsi alzava alto nei cieli dell’Europa attonita

.
Da politico cresciuto nell’era berlusconica, ha imparato che si può dire e disdire qualunque cosa, compresi i congiuntivi, e pazienza per i conti pubblici. Dicendo qualunque cosa ci ha vinto le elezioni. Ha promesso soldi e insieme tagli. Rigore e “pace fiscale”, cioè l’ennesimo condono. Ha giurato di non essere né di destra, né di sinistra (“ma oltre”) per questo ha trattato con l’una e l’altra. Nel 2014 dettava alle tv: “Firmiamo per uscire dall’euro”. L’anno dopo diceva il contrario. Quello dopo ancora, il contrario del contrario. E oggi, accomodato tra gli scranni del governo, l’opposto di ieri: “Il Movimento non ha alcun interesse a uscire dall’euro”. In compenso su soldi e casta è stato di massima coerenza. Si è autoridotto a 2.500 euro lo stipendio, finanziando col disavanzo il microcredito destinato alle imprese.

E con quel che gli restava in tasca, i suoi completi da “venditore di Tecnocasa”, come gli rimpro- verano amici e nemici. Ma specialmente è stato coerente con Silvio Berlusconi, non azzardandosi mai a sedersi a un tavolo con lui, il Condannato, dopo i vent’anni di astuti bivacchi allestiti dalla sinistra. Scontato che il suo fulmineo incedere abbia suscitato molti veleni. Gli hanno perlustrato la vita privata a caccia di ombre. La vita sentimentale in cerca di scandali. Quella sessuale in cerca di scoop. Vittorio Sgarbi, accomodato in streamingsul trono che si merita, il cesso di casa, gli ha augurato la morte fisica. Vittorio Feltri quella politica. Vincenzo De Luca addirittura di trovarsi un lavoro.

Ma tanto livore svela il movente. E tutte e tre le contumelie fanno una prova: è livida invidia per la sua atletica giovinezza. Senza curarsi dei risolini è andato in visita a Washington e alla City di Londra. Ha letto in inglese meglio di Renzi e Berlusconi, anche se ha detto più o meno le stesse cose: “Investite da noi, siamo fortissimi”. Per mesi ha preteso per sé Palazzo Chigi. Ma il giorno che ha capito le regole dell’aritmetica, ha chinato il capo. E quando nessuno ci credeva più, ha rammendato un governo nuovo di zecca, magari improbabile, ma prontissimo a ratificare le mille nomine che arrederanno il nuovo potere nella Terza Repubblica.

Lo ha fatto con un signor nessuno, il silenzioso Giuseppe Conte, e con il più periglioso degli alleati, Salvini, il Capitano, che a forza di coltivare rancore e di dare spallate contro l’immigrazione, gli toglie voce, centralità, terreno, spiazzandolo persino dentro al suo Movimento. I voti persi alle ultimissime Amministrative, i Cinque Stelle indagati per lo stadio della Roma, sono le prime incrinature che guastano la festa del trionfo. Mentre Aquarius – e il muro d’acqua fabbricato contro i 629 migranti – segna l’esatta rotta dove la Lega di Salvini vuole navigare, i confini asciutti dell’Ungheria di Orbán, destinazione Mosca. Dalla convivenza con l’alleato – e al netto del primo naufragio che l’ha stordito –si capirà se Luigi Di Maio ricomincerà a nuotare, rivelandosi miracoloso, oppure soltanto un miracolato.
(fonte Il Fatto Q.-Pino Corrias)

1 commento:

  1. Anali quasi perfetta, andrebbe specificato, che nei cambiamenti di "rotta", nell'uscita dall'euro, è dovuto con il crearsi di nuove prospettive per l'Italia nell'evolversi di situazioni politiche interna europea, a riguardo i voti persi alle ultime amministrative, non è affatto vero, perché hanno conquistato altri 4-5 comuni, con altri ancora al ballottaggio. Per lo stadio di Roma, è tutto un bluff montato ad arte dai media per screditare il m5s , infatti non c'è nessun indagato eccetto uno, per'altro subito dimessosi con un 'imputazione da far ridere persino i polli, a riguardo la "centralità",aspetterei a dichiarare che è stata soppiantata da Salvini, in quanto il problema e ben lontano dall'essersi concluso, e con quelli che inevitabilmente ancora che verranno con l'attuazione del "contratto". Infine teniamo presente che DiMaio ha a disposizione solo questa legislatura, ed ha poco interesse a tenere per se la scena politica, mentre sta lavorando esclusivamente per il popolo italiano affinché ne tragga il massimo dei benefici, ed è questo che lo rende ancora più nobile agli occhi delle persone oneste e per bene!

    RispondiElimina