giovedì 10 maggio 2018

Feltri incita Berlusconi contro il M5S (insultando pure!)

Caro Berlusconi, temo che tu abbia calato le brache e ti sia sottomesso al diktat di Di Maio che respinge la tua partecipazione alla maggioranza. Mi stupisce che un uomo come te, con un passato da imprenditore formidabile e politico di successo, possa cedere ai capricci del pistolino al vertice dei 5 Stelle. Immagino tu abbia accolto i consigli sbagliati di Confalonieri e di Letta, persone perbene, d’accordo, ma che di politica capiscono solo gli spiccioli e perdono di vista il tuo enorme interesse.
Come si può pensare che Silvio si inchini all’ostracismo esercitato contro di lui da un ragazzino sprovveduto quale è Giggino Laqualunque, convinto di essere diventato il padrone del vapore? Sono indignato. Di Maio non ti tollera tra i piedi e tu ti fai in disparte? Mi aspettavo che lo mandassi affanculo. Invece ti inchini al volere di un tizio che sbaglia i congiuntivi e afferma che la Russia è un Paese mediterraneo. Non desidero credere a una simile sciagura.



Se Forza Italia si astiene anziché stare all’opposizione, si priva del diritto di esercitare un severo controllo sulla attività governativa. È una forma di resa al ricatto dei pentastellati che ti detestano e non ti sopportano. Ti consegni a una banda di sciagurati che predica incoscientemente il reddito di cittadinanza e la decrescita felice. Ti rendi conto della cazzata che stai commettendo? Ti prego, rifletti. E di’ a Salvini che senza gli Azzurri il centrodestra va sotto, in percentuale, al Movimento grillino. Cosicché la Lega, alleandosi con esso, sarà un socio di minoranza e non avrà la forza di imporre la propria linea. Nell’esecutivo comanderà, a prescindere dal nome del premier, la banda Casaleggio. Solo all’idea che accada una cosa simile mi vengono i conati di vomito.



Silvio, fai marcia indietro, lascia che coloro i quali pretendono di menare il torrone a Palazzo Chigi si arrangino. Tanto andranno a sbattere. Litigheranno da mane a sera e non combineranno niente. Non sono all’altezza del compito che presumono di svolgere egregiamente in favore dell’Italia. Non hanno e non avranno un programma serio e realizzabile. Abbandonali al loro destino. Fai quello che hai sempre fatto: il Berlusconi e non il cacasotto. So che non mi ascolterai. Ma il mio dovere è di avvertirti che stai facendo una puttanata. Molto meglio dare retta a Mattarella. È preferibile un esecutivo del cavolo che predisponga una legge elettorale nuova e meno scema dell’attuale di un gabinetto indecente quanto quello che si profila con il Movimento 5 Stelle in posizione di preminenza.

(fonte Infosannio da Libero)

4 commenti:

  1. Caro Vittorio, ancora una volta dimostri aver capito nulla. Non è che Silvio si inchini a Luigi xchè da lui chiesto, ma xchè glie lo chiedono 11 milooni di cittadini italiani...
    Come è oggi conciata l'Italia lo dobbiamo principalmente a Silvio che ha governato circa 20 anni lasciando il paese con grossi cicatrici indelebili ed ai nostri figli un mutuo non da loro richiesto. Tu e lui, evidentemente siete fatti della stessa pasta, non pretendo quindi tu capisca quanto ti stia scrivendo una persona comune...una persona che sicuramente avrà più tutela da un ragazzo di 31 anni che da un dinosauro atavico...che ai tempi fece del suo cavallo di battaglia " largo ai giovani" ma evidentemente espone a sua convenienza ciò che è comodo al momento giusto. In buona sostanza, non ci sentiamo sicuramente rappresentati da una persona che ha fatto deridere l'italia al mondo ed ha fatto del suo partito un'azienda con tanti dipendenti a libro paga di cui molti condannati a partire da lui. Dipendesse da me, lo spoglierei di ogni bene e lo caccerei dall'italia a calci in culo lui e tutti quelli che lo hanno votato in cambio di qualcosa...lasciando pazio al rientro nel paese, di giovani costretti a lasciare il paese xchè senza lavoro. Fateci un favore: tu e lui...toglietevi dai coglioni in fretta...

    RispondiElimina
  2. Caro Vittorio ai detto bene, perdono di vista il tuo enorme interesse. per tutto quello che non a fatto per gli Italiani, ma solo per il suo e solo il suo bene aziendale ed economico, non a mai fatto niente per il popolo camuffando di averlo fatto di qualunque cosa si trattasse da accordi con partiti a quelli dei sindacati, altri magna magna sulle spalle digli Italiani.

    RispondiElimina
  3. Mi sembra di leggere l'articolo non di un giornalista ma di un tifoso della curva che tra parolacce ed insulti sembra abbia perso la lucidità di capire che la squadra perr la quale sta tifando è retrocessa, e se la prende col mondo intero offendendo e sparando cazzate a destra e a manca. Sono gli ultimi vagiti di chi sta per trovarsi con le brache calate perché il conflitto di interessi in questo paese sposa a braccetto la libertà di stampa.......capito?

    RispondiElimina
  4. Che tristezza vedere la stampa ridotta in simili condizioni! E permettimi "grande "Feltri se c'è qualcuno che si è calato le braghe quello sei tu, e te le sei calate di brutto davanti al Pluricondannato!

    RispondiElimina